Skin ADV

GOOGLE ADV

quiSalento COMPILESCION

10,00 € cad.

+

Oltre la pizzica la colonna sonora del Salento

Dieci anni di musica non si possono certamente racchiudere in ottanta minuti. Dieci anni di musica per il Salento rappresentano un vasto e variegato insieme di note, generi, palchi e spettacoli, relazioni ed esperienze, umane e artistiche, che vanno al di là di qualsiasi possibilità di sintesi.

Non c'è dubbio che in questo decennio per il Salento la musica sia stata di cruciale importanza, utile, eccome, a dare e diffondere quella efficace immagine di terra vitale e affettiva. Tanto alla sua gente che la vive ogni giorno, quanto a coloro che ne sono lontani, costretti dalla storia a fare le valigie e partire da un Mezzogiorno amaro, ma anche ai "forestieri", per i quali è un viatico verso una comunità accogliente. La musica salentina, nelle sue diverse espressioni, è la colonna sonora del riscatto possibile.

Nei dieci anni di quiSalento la musica è stata di "vitale" importanza, perché non è una semplice rubrica. È ascolto quotidiano, apprezzamento (o meno), è commento e confronto, oltre che emozione e passione. È anche puro intrattenimento e svago. La musica non è solo Salentolive, la rubrica che indaga nell'arcipelago sonoro del territorio, ma permea tutte le pagine e la stessa impresa editoriale di quiSalento.


Nasce per questo quiSalento compilescion, frutto di una selezione difficile. Molto difficile. I venti brani di questo cd (distribuito nella primavera 2011 in occasione dei 10 anni della rivista), non possono rappresentare né sintetizzare qualcosa. Sono semplicemente il frutto di una scelta ardua, determinata da un'infinità di criteri, che lascia non pochi dubbi e perfino qualche piccolo scrupolo. Eppure, se la scelta alla fine è risultata problematica, il poter scegliere, paradossalmente, è stato piacevole. È l'ulteriore prova, se ce ne fosse bisogno, di quanto vasto, vario e qualificato sia questo giacimento di cultura musicale.

Questi i venti brani di quiSalento compilescion:

1) KAUS MERIDIONALIS "La quistione meridionale". A 150 anni dall'Unità d'Italia, "La quistione meridionale" di Rina Durante e del Canzoniere Grecanico Salentino è più attuale che mai, nell'interpretazione dei Kaus Meridionalis.

2) SUD SOUND SYSTEM "Casa mia". In vent'anni, i Sud Sound System hanno musicalmente e socialmente ravvivato quel Salento che, da sempre, hanno scelto come "casa", da cantare e decantare, da amare e, all'occorrenza, biasimare. Ma, sempre, da difendere.

3) ANTONIO CASTRIGNANÒ "Signora Madama". Antonio Castrignanò canta e racconta le vicende della sua "Signora Madama" con una sorta di coloratissimo "gran varietà popolare".

4) DARIO MUCI "Sia benedettu". Uno dei canti più suggestivi della tradizione musicale salentina, curato e cullato da una delle sue voci più belle.

5) OPA CUPA CPT "Due inutili parole". E' una sorta di manifesto poetico, politico e musicale degli Opa Cupa di Cesare Dell'Anna.

6) MASCARIMIRÌ "Gitanistan". Più nomadi e radicali che mai i Mascarimirì di Claudio "Cavallo" Giagnotti.

7) TREBLE "Lu culure". È una "cantata" musicale come poche quella di Treble.

8) INSINTESI feat. ALESSIA TONDO "Pizzica di Aradeo". L'elettronica riverente degli Insintesi avvolge, rallenta e non altera il canto, e l'incanto, di Alessia Tondo.

9) IL VIOLA DI MARIA "Sotto l'ombra dei ciliegi". E' un paniere ricco di dolcezze e colori, iniziando dalla voce di Maria Mazzotta.

10) NINFA GIANNUZZI "Klama". Il canto griko che parla di emigrazione è così bello, poetico e senza tempo che ormai passa per tradizionale, anche se è stato scritto da Franco Corlianò "solo" nel 1972.

11) ENZA PAGLIARA "Aquila bella". Enza Pagliara incarna un passaggio generazionale che fa tesoro del senso di appartenenza alla sua terra.

12) GHETONÌA "Mavro ce skotinò". Suoni pregiati che partono dal cuore e dalla storia della Grecìa Salentina, attraversano l'Adriatico e le sue nuove storie, e arrivano all'antico amore greco.

13) DANIELE DURANTE "Io resto qui". Daniele Durante continua "da solo" a guardare il Salento, e il Sud, con occhi e cuore carichi di passione. E immutata voglia di cantarli.

14) OFFICINA ZOÈ "Cu lli suspiri". La macchina del ritmo dell'Officina Zoè non conosce i segni del tempo e continua a suonare, cantare e far ballare.

15) MINO DE SANTIS "Tuttu è cultura". La sagace ironia e lo spirito di un "anarchico di paese".

16) RAFFAELLA APRILE "Lu zinzale". Una "cantata" gioiosa, corale e bucolica, colorata di serenità e sorrisi.

17) BANDADRIATICA "Lascia che sia la musica". Una ballata per ogni porto, un palco che diventa approdo, "contagio" e immancabilmente festa.

18) ENSEMBLE NOTTE DELLA TARANTA "Pizzica degli Ucci". La pizzica-pizzica che fa spettacolo. E che fa ballare platee sterminate e va ad allietare piazze di tutta Europa.

19) MENAMENAMÒ feat. RAFFAELE CASARANO ADMIR SHKURTAJ e MARCO BARDOSCIA "Menamenamò". I Menamenamò incontrano divertiti, per il loro "inno", virtuosismi e perle di Raffaele Casarano, Admir Shkurtaj e Marco Bardoscia.

20) ANNA CINZIA VILLANI "Ninnamorella". Una ninna nanna d'altri tempi.

Torna a inizio pagina

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.p.A. Lecce - Tutti i diritti riservati