Skin ADV

GOOGLE ADV

Bandiere d'artista e le canzoni di Capossela per la fòcara di Novoli

Mercoledì, 18 novembre 2015 - - Categoria: Cultura

Il mondo, colorato e visto da Baruchello, e la festa suonata da Vinicio Capossela. Si è delineata, per grandi linee e con i consueti grandi ospiti, la Fòcara 2016, la nuova edizione della festa di Sant'Antonio Abate di Novoli, appuntamento che ruota attorno all'accensione del grande falò, prevista, come sempre, il 16 gennaio.

L'evento abbraccia tante, tantissime iniziative organizzate dalla Fondazione Fòcara di Novoli che sono state illustrate nelle scorse ore a Roma dagli organizzatori, con in testa il sindaco di Novoli Gianmaria Greco e l'assessore regionale alla Cultura Loredana Capone.

Nessuna installazione sul falò: è questa la novità dell'edizione 2016, dopo i tocchi d'artista e le grandi firme degli ultimi quattro anni (i cavalli di Palladino, i numeri di Nespolo, la spirale di Nagasawa e la croce di Kounellis), protagonisti del progetto FòcarArte. Il progetto artistico rimane comunque centrale nella festa, ospitando un altro grande dell'arte contemporanea, Gianfranco Baruchello, chiamato a dialogare con la "fòcara".

L'artista realizzerà oltre cinquanta bandiere, che i ragazzi delle scuole, la sera del 16 gennaio, faranno sfilare intorno alla "fòcara", per poi infilarle tra le fascine. Baruchello intende così superare metaforicamente i confini identitari nazionali e rivendicare il valore puro del legame con l'altro, con la comunità e più in generale con la specie umana.

Il falò con le bandiere al suo interno rappresenta simbolicamente un fuoco che purifica dai recinti della disintegrazione sociale, dalle corruzioni e dalle violenze che si scatenano nel mezzo dei confini nazionali. Un messaggio importante, che fa il paio con l'importanza dell'evento. A Novoli arrivano migliaia di visitatori nei tre giorni di festa che, accanto agli aspetti "tradizionali", iniziando dai riti legati al culto del santo, trovano anche un serie di iniziative legate all'arte e allo spettacolo.

C'è il Fòcara Festival, un'offerta musicale ricchissima con, in testa, il concerto di Vinicio Capossela che torna al cospetto della Fòcara di Novoli a cinque anni da un'altra sua memorabile "apparizione". Sarà lui il protagonista la sera dell'accensione l'ospite clou del festival che, comunque, accoglie anche i Subsonica, Nneka, Mad Professor e Prince Fatty, Antonella Ruggiero&Coniglioviola, Masbedo&Marlene Kuntz, The Orb e Kid Koala.

Tornando a FòcarArte, è previsto a Novoli l'arrivo di Vittorio Sgarbi, per una lectio magistralis sul fuoco e Sant'Antonio Abate nell'arte, e dell'artista Regina Josè Galindo, che realizzerà, in prima mondiale, un'azione inerente al tema del fuoco rigeneratore e propiziatorio.

Si rinnova anche l'appuntamento con i grandi maestri della fotografia e, dopo Paola Mattioli, le cui opere saranno in mostra, il premio "FocaraFotografia 2016" andrà quest'anno all'iraniano Manoocher Deghati, uno dei fotoreporter viventi con più riconoscimenti e più presenze sul campo nell'ambito del fotogiornalismo di guerra.

"Dalla Fòcara 2016, che quest'anno torna alla sua forma classica ultracentenaria e senza installazioni", dice il sindaco di Novoli e presidente della Fondazione Gianmaria Greco, "deve partire un messaggio di pace e solidarietà ma soprattutto di legame con il territorio".

"La Fòcara sarà il polo d'attrazione turistica dell'inverno pugliese", spiega l'assessore Loredana Capone, "attraverso la valorizzazione dell'antico rito punteremo a intercettare un turismo di qualità a dimensione familiare".

L'inizio ufficiale della costruzione della "fòcara", che richiede più di un mese di lavori, è fissata per il 13 dicembre, con la "Festa della vite", che quest'anno avrà una come tema particolare l'emigrazione.

Torna a inizio pagina

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.p.A. Lecce - Tutti i diritti riservati