Skin ADV

GOOGLE ADV

I giovani pugliesi cacciatori di futuro: ecco le nuove generazioni

Giovedì, 28 aprile 2016 - - Categoria: Attualità

È un quadro articolato e ricco di chiaroscuri quello della generazione giovanile, alla ricerca di una personale e peculiare ricerca del benessere. Venerdì 30 aprile si presenta al pubblico la ricerca "I giovani pugliesi e il cambiamento" realizzata da una équipe di sociologi dell'Università del Salento e patrocinata dal Distretto Lions 108 Ab di Puglia. I risultati dell'indagine sono riportati nel volume "Cacciatori di futuro. I giovani pugliesi e il cambiamento" curato da Maria Mancarella e Maria Rosaria Manieri, pubblicato da Ledizioni. La ricerca nasce da un lavoro di rilevamento tra gli istituti superiori della Puglia che ha portato alla raccolta di oltre 7mila questionari nel periodo tra novembre 2014 e gennaio 2015.

La presentazione è in programma alle 10 presso l'auditorium dell'istituto tecnico "Grazia Deledda" di Lecce (piazza Palio). Le curatrici discutono con alcuni studenti e ad Ada Mazzotta e Antonella Manca, dirigenti rispettivamente del "Deledda" e del liceo scientifico "Giulietta Banzi" di Lecce, alla presenza del prefetto di Lecce, Claudio Palomba, del direttore del dipartimento di Storia società e studi sull'uomo dell'Università del Salento Fabio Pollice, del dirigente dell'ufficio scolastico provinciale Vincenzo Nicolì e del governatore del Lions Puglia Alessandro Mastrorilli.

La presentazione dei risultati è una forma di restituzione verso gli insegnanti, gli studenti e le loro famiglie che hanno collaborato alla realizzazione della ricerca, dalla quale emerge uno spaccato in cui la famiglia, pur continuando ad essere un'istituzione rilevante, è sempre meno normativa nei confronti dei giovani pugliesi, "che si muovono in un difficile equilibrio tra curiosità, desiderio di esplorazione e bisogno di appartenenza".

Dalla ricerca emerge il ritratto di una generazione in cerca di una personale via al benessere, forse meno eclatante e rivoluzionaria di quella dei giovani degli anni '60, individualistica e ancora poco visibile come quella dei giovani degli anni '90, ma capace di includere il riferimento agli altri e la solidarietà. Un'immagine che sembra trovare l'ambito ideale per esprimersi nelle aree periferiche, nelle piccole realtà locali, dove la comunità esprime con forza le sue potenzialità e la tradizione offre solide radici per riprendere a volare.

La pubblicazione può essere consultata online a questo link: https://issuu.com/centrostudiosservatoriodonna/docs/cacciatori_futuro/1?e=19751558/34835913

Torna a inizio pagina

ClioCom © copyright 2017 - Clio S.p.A. Lecce - Tutti i diritti riservati