Skin ADV

GOOGLE ADV

LA LUCE DELLE AZIONI VIRTUOSE

Venerdì, 04 ottobre 2019 - - Categoria: Editoriale

È considerato umorale e pazzerello come marzo, il mese di ottobre, una sorta di suo alter ego autunnale. Ma forse anche i tradizionali proverbi contadini legati al clima andrebbero rivisti.

Gli effetti a livello globale dei cambiamenti climatici sono noti, ormai se ne parla ovunque, sebbene le ripercussioni nel piccolo siano meno evidenti, ma... tant'è, ci sono, eccome, e non sono "un vezzo per radical chic", come sostenuto da autorevoli esponenti della politica italiana. Del resto "le cirase 'nanzi lu fucalire e le castagne 'nanzi mare" sono un must dei proverbi tradizionali, e magari ci capiterà di assaporare prima del tempo qualche frutto dell'inverno.

Intanto, quest'anno, a proposito di clima, la fredda primavera e l'autunno caldo hanno allungato di un bel po' il periodo di vendemmia, che comunque non è più quella di una volta. E non per colpa del clima o per semplice nostalgia iconografica. I piccoli "vigneti di famiglia", che caratterizzavano le rigogliose campagne di molte zone del Salento, sembrano ormai destinati a restare solo un ricordo, come tante immagini di una vendemmia che animava molti paesi e paesini, dove proliferavano i "vin de garage", termine coniato negli anni '90 in Francia da uno dei massimi esperti di vino.

Oggi la vendemmia si carica di ben altre aspettative per le aziende, costrette a tamponare gli effetti delle bizze climatiche. Quelle che, secondo gli esperti, farebbero spostare sempre più al nord le condizioni ideali per la coltivazione della vigna. Ma il cammino è ancora lungo, e in attesa di intravedere dei bagliori all'orizzonte, conviene illuminarlo con piccole azioni virtuose.

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica