Skin ADV

GOOGLE ADV

Il Salento disobbediente: agricoltori e cittadini dicono no ai pesticidi

Sabato, 12 maggio 2018 - - Categoria: Attualità

La risposta è chiara e senza esitazioni. Il Salento, e non solo, dice no al decreto Martina, che prescrive l'obbligo di quattro trattamenti chimici su ogni appezzamento verde di suolo pubblico e privato fino alla fine del 2018 in tutta la Puglia meridionale, da Santa Maria di Leuca alle soglie di Bari, per contrastare l'avanzata del vettore della Xylella fastidiosa.

È stato emanato lo scorso 6 aprile il decreto ministeriale che rievoca lo spettro del piano anti-xylella, voluto dal commissario Giuseppe Silletti, per lottare contro la cosiddetta sputacchina, il Philaenus Spumarius, insetto ritenuto principale responsabile e vettore del batterio Xylella fastidiosa su ulivi e piante ospiti. L'obbligo è quello di sottomettere il territorio pugliese, già affannato e provato da emergenze ambientali e sociali ormai tristemente note, a 4 trattamenti chimici: i primi due da maggio ad agosto e altri due entro il mese di dicembre. Trattamenti obbligatori, pena onerose sanzioni amministrative, su ogni scampolo di suolo pubblico e privato, dalle aiuole dei cigli stradali ai campi coltivati.

Repentina e decisa la risposta delle aziende biologiche, dei coltivatori, degli apicoltori ma anche dei singoli cittadini, che si oppongono fermamente a questo ennesimo avvelenamento del territorio salentino. Il decreto Martina è "indifendibile e privo di ratio", ha commentato l'entomologo Francesco Porcelli, lo stesso entomologo all'origine della scoperta della sputacchina. A fargli eco c'è Luigi Russo, il portavoce del Forum Terzo Settore, che sottolinea i disastrosi rischi per la salute pubblica, i danni all'immagine del territorio e la conseguente inflessione turistica.

Un provvedimento scriteriato, quindi, per molteplici ragioni. Innanzitutto l'efficacia: il batterio è, infatti, presente solo sul 2% degli alberi disseccati e colpire indiscriminatamente tutto l'ecosistema verde servirà solo ad aggiungere morte e distruzione, spazzando via tutto il microcosmo e la biodiversità del territorio. Inoltre, i pesticidi imposti dall'alto dal decreto Martina prevedono l'utilizzo di sostanze a base di Imidacloprid, elemento bandito da una decisione dell'Unione Europea dello scorso 27 aprile (a cui l'Italia ha votato in maniera favorevole), tra i principali responsabili della moria delle api.

Oltre agli incalcolabili danni ambientali, il decreto ignora i rischi per la salute della popolazione, esposta ancora una volta all'effetto di sostanze chimiche e veleni, che finiranno per inquinare il terreno, l'aria, le falde acquifere. Discutibile risulta, inoltre, l'accanimento terapeutico nei confronti di una sola specie vegetale, ignorando la meravigliosa biodiversità che risulterebbe irrimediabilmente compromessa e senza tenere conto di misure sostenibili quali il reinnesto naturale.

L'Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia, ente al quale è demandata la gestione delle modalità operative del decreto, ha già informato che terrà conto delle decisioni europee in materia per adeguare il trattamento alle esigenze del territorio, ma per il Salento non basta ed è forte la mobilitazione perché il decreto sia completamente annullato. "Contro l'obbligo dei pesticidi sarà disobbedienza", promettono allora più di 150 associazioni, a cui si uniscono agricoltori, singoli cittadini e anche i sindaci dei territori coinvolti. Sono già attivi tre ricorsi e sono più di mille le firme raccolte durante l'incontro che si è tenuto ieri nella Casa delle associazioni del CSV Salento a Lecce.

Qui di seguito la lista delle associazioni, non solo salentine, che si oppongono al decreto Martina:

1. Associazione Salento Km0 – Galatina

2. Casa delle AgriCulture Tullia e Gino – Castiglione d'Otranto

3. Diritti a Sud – Nardò

4. Azienda Agricola Lagorosso – San Donato

5. SESA – Sistema Ecomusei del Salento

6. Comitato Popolo degli Ulivi - Salento

7. Casa delle Donne – Lecce

8. Aps Verdesalis – Nardò

9. Azienda Agricola Emiliano Gira - Nardò

10. Gli Orti di Peppe – Tricase

11. Azienda Agricola Le fattizze – Nardò

12. Agriturismo Lu Schiau – Serrano

13. Salute Pubblica – Brindisi

14. Medicina Democratica – Brindisi

15. Laboratorio Beth – Lecce

16. Oltre Mercato Salento – Lecce

17. Azienda Agricola Cosimo Chiriasi - Nardò

18. Azienda Vita da Furese di Marco Mollona – Nardò

19. Cooperativa Karadrà – Aradeo

20. Associazione Terra d'Egnazia Onlus - Brindisi

21. Forum Terzo Settore – Lecce

22. Associazione Spazi Popolari – Sannicola

23. Associazione Diem 25

24. Associazione SESA – Sistema Economico del Salento

25. Associazione VAS Onlus

26. Associazione RIP Riprendiamoci il Pianeta – Manduria

27. Associazione Nuova Messapia – Soleto

28. Associazione Difesa Diritti – Lecce

29. TAM TAM Sociale – Rete delle Associazioni

30. Associazione Salento Sostenibile - Ugento

31. Compolisio Sarruni Group – Ugento

32. Cantina Supersanum – Supersano

33. Associazione Sanu & Sarvu – Castro

34. Associazione Tumulti – Melendugno

35. Circolo Arci Eutopia – Galatina

36. Vivere la Canapa - Vaste

37. Molino Maggio – Poggiardo

38. Associazione Ciaula – Neviano

39. Azienda agricola L'Amaca – Castiglione d'Otranto

40. Circolo Arci Nardò Centrale - Nardò

41. Associazione Solidaria - Bari

42. Associazione Abitare i Paduli - San Cassiano

43. Lilt - Lecce

44. Il tempo di Momo - Lecce

45. Cooperativa Terrarossa - Tricase

46. Orti di Vita - Calimera

47. Azienda Agricola Melusina - San Donaci

48. Caseificio Artigianale Sciacuddi - Cutrofiano

49. Pralina Azienda Agroalimentare - Melpignano

50. Associazione Coppula Tisa - Tricase

51. Luna Laboratorio Rurale - Seclí

52. Guakamole Fatti a Mano - Lecce

53. Associazione Le Striare - Sannicola

54. Olio Merico - Miggiano

55. Associazione Ausapieti - San Donato di Lecce

56. Terra d'Egnazia - Fasano

57. Movimento in Comune - Fasano

58. Movimento dei diritti della Terra

59. Associazione Madreverde - Ugento

60. Comitato No al Carbone - Brindisi

61. Agriturismo Salos - Otranto

62. Agriturismo Le Fontanelle - Otranto

63. Associazione Nerò - Zollino

64. Sfruttazero Autoproduzioni Fuori Mercato - Bari/Nardó

65. Associazione Gira-Sole - Nardó

66. Saverio Alemanno Apicoltore - Copertino

67. Anpi - Taurisano

68. XFarm Agricoltura Sociale - San Vito dei Normanni

69. NBC - Nardó Bene Comune - Nardò

70. Cooperativa Casa delle AgriCulture - Castiglione d'Otranto

71. SOS Costa

72. Comitato Madre Terra

73. Cooperativa di Comunità - Zollino

74. Spezìalia Emporio Naturale – Zollino

75. Bread and Roses – Spazio di Mutuo soccorso - Bari

76. Città Fertile – Lecce

77. Laboratorio Omar Moheissi – Guagnano

78. Associazione Cianfrusocoop – Salice Salentino

79. Associazione Meticcia - Lecce

80. Casale Marchesi - Casarano

81. Associazione Fucazzara - Carosino (TA)

82. Movimento No Tap - Salento

83. WWF - Salento

84.Tenuta Agricola Luna - Aradeo

85. Associazione Mujmuné - Leverano

86. Associazione Marina Serra - Tricase

87. L'acino di Vino - Vignacastrisi

88. Masseria Spigolizzi - Salve

89. Azienda agricola Samadhi - Zollino

90. ANPI - Nardò

91. Associazione Janub - Lecce

92. Azienda agricola Supernatural - Copertino

93. dott.ssa Gabriella Milone pediatra - Lecce

94. Associazione Ortinsieme - Arnesano

 

Aderiscono con solidarietà anche realtà di altre regioni e associazioni nazionali tra cui:

 

1 - Fuori Mercato - Autogestione in movimento - Rete nazionale

2 - Tavolo RES - Rete Nazionale Economia Solidale

3 - Fairwatch - Rete Nazionale

4 - Fuori Mercato - Milano

5 - Venti Pietre - Bologna

6 - Spazio Autogestito Riff Raff - Salerno

7 - R.A.M Rete auto-organizzata di mutuo soccorso - Salerno

8 - Sos Rosarno - Rosarno

9 - Contadinazioni - Partinico-Campobello di Mazara

10 - Di.Fro. Diritti di Frontiera - Roma

11 - Ri-Maflow - Trezzano sul Naviglio

12 - Officina Solidale - Siena

13- Altro Modo Flegreo - Pozzuoli (NA)

14 - Cumpanatico sud, filiera etica e partecipata del grano - Campania

15 - Associazione Bianca Guidetti Serra - Bologna

16 - Associazione per la Decrescita - Nazionale

17 - Attac - Italia

18 - REES - Marche

19 - Welcome Refugees - Italia

20 - ASCI - Piemonte

21 - Rete dei Semi Rurali

22 - Galline Felici - Sicialia

23 - Fondazione Girolomoni - Isola del Piano (Marche)

24. Azienda agricola Oliva Renzo - Avigliana - Val di Susa

25. Alessandro Veroux agronomo - Roma

ULTERIORI ADESIONI DI AZIENDE O ASSOCIAZIONI POSSONO ESSERE INVIATE A : info@salentokm0.com

Torna a inizio pagina

ClioCom © copyright 2018 - Clio S.p.A. Lecce - Tutti i diritti riservati