Skin ADV

GOOGLE ADV

Il Teatro dei Luoghi: una strada per Alessandro Leogrande in Albania

Giovedì, 06 settembre 2018 - Autore/Fonte: Valeria Nicoletti - Categoria: Cultura

Approda in Albania e poi in Kosovo, il Teatro dei Luoghi di Koreja, per l'emozionante appuntamento trans-nazionale, dedicato ad Alessandro Leogrande, giornalista e scrittore scomparso lo scorso anno, immenso faro di tutta l'edizione 2018 del festival.

Costruiva ponti, Alessandro Leogrande, e lo faceva tramite la scrittura, con l'invito costante a non cadere nella generalizzazione delle collettività, ad andare alla ricerca delle storie singole, delle esistenze, delle memorie personali, dello sguardo di ogni essere umano che attraversa una frontiera, un muro, che a volte può essere fatto di acqua.

Lui, il mare Mediterraneo l'aveva attraversato per giungere sin da ragazzo in Albania, una terra che non l'ha mai più abbandonato e che oggi decide di intitolare una strada a questo custode della memoria, divulgatore di storie semplici eppure spesso ignorate, cantore della sua terra e delle latitudini altrui.

La trasferta del Teatro dei Luoghi inizia giovedì 6 settembre, con lo spettacolo "Katër i Radës. Il naufragio", l'opera figlia del pensiero sociale, politico e umano di Leogrande, autore del testo, con la regia di Salvatore Tramacere e le musiche originali del compositore albanese Admir Shkurtaj, messo in scena a Scutari. Una vera e propria opera da camera, fortemente evocativa, che racconta l'affondamento nel Canale d'Otranto della motovedetta albanese Katër i Radës, in cui persero la vita 80 profughi in fuga dall'Albania. Una storia che parte dalla tragedia e dalla morte per immaginare un altrove migliore, in quell'ottica realista, ma speranzosa, tipica di Leogrande, che non aveva mai smesso di avere fiducia nell'uomo.

"Questo appuntamento è l'occasione per sentirlo ancora vicino, parte e ispirazione di un pensiero artistico, politico e sociale condiviso che ci ha visti insieme nella realizzazione dell'opera", dichiara Tramacere, "il suo lavoro era una missione di pace, il suo lavoro voleva cambiare il mondo. Quello di Koreja lo ha cambiato con le sue parole, lavorando con noi al testo di quest'opera, che è stata, com'era nello stile di Alessandro, un'impresa coraggiosa e riuscita [...] La sua scrittura è un'epica moderna, che racconta di viaggi sventurati e ultimi al mondo. Con grazia, con rispetto, senza eccedere mai in patetismi troppo facili [...] Abbiamo lavorato alla Katër nell'unico modo possibile. Mettendoci dentro la vita".

Si continua venerdì 7, alle 10 con l'intitolazione di una via di Tirana a Leogrande, alla presenza di Erion Veliaj, sindaco di Tirana e, a seguire, alle 12, la presentazione al Palazzo del Governe delle opere di Leogrande tradotte in albanese. Ultime due tappe in Albania sono a Pristina, in Kosovo, l'8 settembre, e presso l'anfiteatro del lago artificiale di Tirana, lunedì 10, sempre con la rappresentazione di "Katër i Radës. Il naufragio".

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2018 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica