Skin ADV

GOOGLE ADV

Le donne in scatola di "Salento che pensa"

Venerdì, 09 marzo 2012 - - Categoria: Attualità

Che cos'è l'obbedienza? Che cos'è il potere? Che cos'è la paura? Qual è il valore della parola? In occasione della Giornata delle Donne, "Salento che pensa" con l'iniziativa "Donne in scatola" propone una nuova sospensione del pensiero per osservare e partecipare la realtà, con interrogativi destabilizzanti.

Dalle 18.30 di giovedì 8 (e fino a domenica 11 marzo), il Castello de' Monti illuminato completamente di giallo, accoglierà un'installazione artistica realizzata da giovani salentini Diego Bramato e Marcello Solazzo, denominata "Distorsione mediatica": trenta televisori trasmetteranno contemporaneamente volti, visioni di donne per raccontare tempi, luoghi e modi di stare al mondo con essere femminile; trenta televisori mostreranno la trasgressione della donna che irrompe oltre la scatola del ruolo predestinato; trenta televisori interrompono la pratica ordinaria di restringimento e negazione della donna all'interno del "modello unico televisivo" rivisitato, criticamente e con efficacia, nel video "Il corpo delle donne" di Lorella Zanardo che sarà proiettato domenica 11 alle 16,30.

L'iniziativa è del Comune di Corigliano d'Otranto nell'ambito della rassegna "Salento che pensa", in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e la Commissione pari opportunità propone in occasione della Giornata Internazionale della donna.

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica