Skin ADV

GOOGLE ADV

Notte della Taranta: aspettando Bregovic prime note polemiche

Giovedì, 14 giugno 2012 - - Categoria: Attualità


Note polemiche, annunciano quelle musicali. Non è certo la prima volta che La Notte della Taranta, col suo carico di riflettori, sia foriera di contrasti, baruffe e rivendicazioni politiche. E non sarà certo l'ultima questa 15esima edizione, che si annuncia domani, a Roma, in una conferenza stampa alla presenza del maestro concertatore Goran Bregovi&\#263;. Una prima romana dovuta proprio alla disponibilità di Bregovic, pronto a dare le sue prime dichiarazioni ufficiali su quello che sarà la sua Taranta "balcanica", e sulle scelte che andrà presto ad effettuare, sia sull'Orchestra salentina, sia sugli ospiti. Anche se per i nomi sembra piuttosto prematuro.

A due mesi dall'inizio del Festival (il Concertone finale sarà il 25 agosto) tutto è ancora da definire, o quasi, ma la macchina è ben rodata e già in altre edizioni ha evidenziato capacità di recupero notevoli, a partenze stentate.

E' la sede capitolina della Regione Puglia ad ospitare il primo lancio ufficiale della nuova edizione. All'incontro parteciperanno Massimo Bray (presidente della Fondazione "La Notte della Taranta"), Goran Bregovi&\#263; (maestro concertatore), Nichi Vendola (presidente Regione Puglia), Silvia Godelli (assessore regionale al Mediterraneo, Turismo e Cultura), Dario Stefàno (assessore regionale alle Risorse agroalimentari) e Sergio Blasi, annunciato come "l'ideatore de La Notte della Taranta", definizione che non mancherà certo di sollevare altre polemiche interne all'organizzazione.

Non c'è la Provincia di Lecce, sostenitrice da sempre dell'evento. Ed è un'assenza che pesa non poco, dal punto di vista politico, e che Simona Manca, vicepresidente della Provincia e assessore alla Cultura, sottolinea con "disappunto e rammarico".

"Apprendo da un comunicato stampa ufficiale", scrive Simona Manca, "della conferenza stampa che vedrà intorno a un tavolo tutte le istituzioni protagoniste della manifestazione. Ad eccezione della Provincia di Lecce". Si dice dispiaciuta per la "dimenticanza" la vicepresidente, "al dispiacere", aggiunge, "si unisce il disappunto per una esclusione che appare inspiegabile e incomprensibile, visto il ruolo che la Provincia di Lecce ha svolto negli anni, e continua a svolgere, nell'organizzazione e nel supporto al più grande festival europeo di musica popolare".

Quindi la precisazione, "a titolo esemplificativo, ma non esaustivo, mi preme ricordare, a chi evidentemente non vuole ricordare, che la Provincia di Lecce è tra le istituzioni che ha promosso la nascita della Fondazione della Notte della Taranta e ha garantito, nelle precedenti edizioni a migliaia di persone di raggiungere Melpignano per assistere al Concertone Finale di chiusura del Festival tramite il servizio di trasporto provinciale, solo per fare un esempio. Resto convinta", chiude Simona Manca, "che un evento di tale portata, che ambisce ad unire tramite la musica culture di popoli diversi e lontani e che rappresenta ormai un importante vetrina per l'industria turistica nel nostro territorio, non possa essere occasione di divisione".

Al mancato coinvolgimento della Provincia, e alle dichiarazioni della vicepresidente, in risposta arriva il chiarimento della Fondazione Notte della Taranta, che, rammaricata, invita la Provincia ad essere presente al tavolo romano. "Solo un equivoco nell'invio del fax di invito alla conferenza stampa", si legge, "ha determinato la legittima presa di posizione della vicepresidente, rammaricati dell'accaduto, ce ne scusiamo. La Provincia di Lecce", riporta il comunicato, "è uno dei quattro soci della Fondazione all'interno della quale da sempre svolge un importante ruolo di partecipazione collaborativa e propositiva. La proficua collaborazione tra i due enti ha raggiunto significativi risultati a tutti noti. In ogni occasione l'opera e il lavoro svolto dal Presidente Antonio Gabellone si è manifestato con convinzione e competenza. Siamo, pertanto, rammaricati per l'accaduto che, lo ribadiamo, esula da ogni volontà".

(14 giugno 2012)
Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica