Skin ADV

GOOGLE ADV

Parte "Fatti Umani", educare alla legalità a Calimera

Lunedì, 21 maggio 2018 - - Categoria: Cultura

Fatti Umani, perché di uomini si tratta, di storie che riguardano tutti, che coinvolgono la collettività e parlano di diritti universali, quello alla vita, alla libertà, allo spazio, purtroppo spesso negati. Torna a Calimera la rassegna di antimafia sociale "Fatti Umani", percorsi di memoria e cittadinanza, organizzata dal Comune di Calimera e dall'associazione Nomeni per Antonio Montinaro, con un ricco programma, dal 21 maggio al 1° giugno, di letture, incontri, teatro, musica e letteratura.

Un'iniziativa che parte dalla commemorazione della Strage di Capaci, dove fu ucciso l'agente calimerese Antonio Montinaro, e volge lo sguardo al futuro, rivolgendosi soprattutto alle nuove generazioni, protagoniste attive del festival, perché educare alla liberta sia un dovere, un diritto e, soprattutto, un atto d'amore.

Si parte lunedì 21 maggio con dieci giorni dedicati alla legalità e ai diritti civili. Il primo appuntamento è rivolto ai più piccoli, con il laboratorio teatrale "La Casetta della Bellezza", per gli alunni della scuola primaria dell'infanzia. Mercoledì 23, in piazza del Sole, parte alle 9.30 il corteo commemorativo della Strage di Capaci per la deposizione della corona in piazzetta Antonio Montinaro, insieme agli alunni dell'istituto Comprensivo.

Giovedì 24, Tano Grasso, presidente nazionale della Federazioni Associaioni Antiracket Italiane, e il magistrato Andrea Apollonio sono ospiti del dibattito "Lotta al racket: strumenti e testimonianze", alle 18.30 presso la Sala Consiliare. Venerdì 25, don Luigi Ciotti, in prima linea con l'associazione Libera sul fronte dell'antimafia sociale, incontra i ragazzi dell'Istituto Comprensivo, per un momento di riflessione intorno al suo ultimo libro "La classe dei banchi vuoti". Nel pomeriggio, alle 18.30, don Ciotti presiede la messa in onore delle vittime di mafia, presso la Chiesa matrice.

La mafia c'è e si nasconde. È quanto ripetono a orecchie spesso sorde i vecchi e nuovi disastri ambientali nel Salento, piaga atavica della terra del sole. Se ne parla con il CSV Salento in occasione del dibattito "In terra. Geografia e rimedi contro i rifiuti tossici", alle 18.30 di domenica 27, presso la sala consiliare. Omaggio a Fabrizio De André martedì 29, in compagnia del Faber Ensemble, in concerto alle 21 in piazza del Sole. In scena, Stefano Rielli, Rachele Andrioli, Daniele Vitali, Davide Sergi e Francesco Pellizzari.

Doppio appuntamento dedicato alla lettura, mercoledì 30, con l'assegnazione del premio del contest #Ioleggoperché alla Scuola per l'Infanzia di Calimera, che riceverà una donazione di libri, e la sottoscrizione del Patto locale per la lettura, da parte dell'Amministrazione comunale, delle associazioni locali e dell'istituto Comprensivo. Giovedì 31, si parla di libertà e spazio umano, con l'incontro #Liberidentro, opportunità, idee e riflessioni sulla detenzione e i diritti umani, con Ada Fiore, autrice di "Sono libera dentro", libro tratto dall'esperienza di un laboratorio filosofico con le detenute della Casa Circondariale di Lecce.

Cala il sipario sulla rassegna, venerdì 1° giugno, con lo spettacolo teatrale "Muttura", vuoto lessicale, parola legata geograficamente al Salento, che indica quel velo d'umidità, fitto e denso, che scende la sera sulle campagne. Un'immagine che si fa metafora di una patina sugli occhi, di una società che non vuole vedere e si trincera dietro il silenzio.

Info incontri: 340/8206952.

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2018 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica