Skin ADV

GOOGLE ADV

Play, dai rifiuti alla musica: il ritmo della creatività

Mercoledì, 02 ottobre 2019 - - Categoria: Salento News | Cultura

Il riciclo creativo e la musica, la Trash Art e l'immaginario bandistico: sono alle prese con "un barattolo che voleva suonare" i bambini protagonisti di "PLAY – La mostra che suona", progetto ludico-didattico organizzato da Comune di Trepuzzi, Comitato Feste Patronali e associazione BLABLABLA, con il sostegno della Regione Puglia, pensato per avvicinare i bambini ai temi del riciclo, della musica e della tradizione bandistica.

Con i coloratissimi, festosi e partecipato laboratori che coinvolgono bambini dai 4 ai 10 anni, inizia a prendere forma la mostra, che sarà allestita nell'auditorium di Zona Santi, a Trepuzzi, dal 30 novembre al 30 dicembre. È il cuore pulsante del progetto, affidato alla direzione artistica di José Luis Molteni, la mostra, che coinvolge tutta la comunità, dai bambini alle loro famiglie, dai docenti ai cittadini in un percorso interattivo e ritmico nell'immaginario bandistico tradizionale,  aperta a visite organizzate dedicate a gruppi e scolaresche, e  animata da spettacoli e attività collaterali.

Allestita a misura di bambino con gli oggetti re-immaginati dalla fantasia dei piccoli partecipanti ai laboratori, PLAY mescola tradizione e contemporaneità, avvicinando ai temi del rispetto per l'ambiente, del potere educativo dell'arte e dell'importanza di un'osservazione non convenzionale di quello che ci circonda. Costruita per i più piccoli, accessibile a tutti, l'esposizione mette l'accento sulle fasi di trasformazione di un oggetto quotidiano che, grazie alla fantasia dei bambini, si trasforma in arte.

Dal rifiuto alla musica, una bottiglia può tramutarsi in un piffero; un rotolo di carta diventare la base di un tamburo; una manciata di riso riempire il cuore di un sonaglio. Sono gli oggetti di uso comune, visti tutti i giorni in casa, a essere immaginati e trasformati in musica dai bambini, e poi esposti in mostra, in un percorso multisensoriale che punta a scoprire le potenzialità sonore di ciascun materiale e, attraverso il gioco, ad avvicinare i più piccoli alla storica tradizione musicale e bandistica pugliese.

Con i laboratori, in programma anche workshop condotti da esperti del settore sui temi della musicalità, della storia della musica e della tradizione bandistica, insieme all'importanza di ripensare il nostro approccio ai rifiuti.

"È una bella storia di comunità", commenta il sindaco di Trepuzzi Giuseppe Taurino, "dal 2012, l'obiettivo del comitato promotore di Bande a Sud (Comune di Trepuzzi, Comitato Feste Patronali, Gal Valle della Cupa) è sempre stato quello di valorizzare l'universo Banda non solo attraverso una programmazione performativa, ma anche e soprattutto culturale. In questo processo, l'educazione dei ragazzi e delle ragazze non poteva che avere il ruolo principale".

"Nulla è come sembra in PLAY", spiega Vito Greco, maestro di scuola dell'Infanzia, a Trepuzzi, e presidente dell'associazione BLABLABLA. "Per dare vita ad un suono, alla storia di un barattolo che voleva suonare spazieremo dalle creazioni più complesse, in cui si cimenteranno donne e uomini di estrosa manualità, alle cose più semplici, create dalle bambine e dai bambini, veri protagonisti del progetto".

"Con PLAY", illustra il direttore artistico Josè Luis Molteni, "abbiamo pensato l'approccio al suono in tutte le sue sfaccettature, attraverso il divertimento. PLAY è un invito a schiacciare, a soffiare, a percuotere, a battere, a graffiare, a fischiare e fare pernacchie, ad esplorare le potenzialità sonore dei materiali di riciclo e le loro proprietà acustiche, a capire i fenomeni sonori e l'origine degli strumenti musicali e a scoprire che possiamo crearli con le nostre mani. PLAY è la festa del suono che popola gli spazi della città ed entra nelle scuole".

Info e prenotazioni: 331/4604754.

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica