Skin ADV

GOOGLE ADV

Prove di ecologia sociale all'ombra del pajarone

Giovedì, 28 giugno 2012 - - Categoria: Attualità

Prove di nuova ecologia sociale all'ombra del "pajarone", il monumentale esempio di architettura della pietra contadina del Salento. Così per tre giorni, dal 29 giugno al 1° luglio, Acquarica del Capo apre le porte ad ecologisti e non, per il Festival di ecologia sociale.

Il festival è organizzato dall'associazione Critical Food, associazione che promuove e sostiene uno sviluppo sostenibile del territorio e delle comunità locali, attraverso la produzione a km 0 e il sostegno delle piccole imprese, scoraggiando le grandi produzioni che dovrebbero poi essere delocalizzate.

L'associazione promuove un rapporto diretto produttore-consumatore che possa creare nel consumo un valore aggiunto, quello di dare un peso a ciò che si consuma, non consumando solo "prodotti di consumo di massa" ma prodotti genuini e veraci che provengono dalla terra, dalle imprese locali.

Tutte iniziative per contrastare la eccessiva globalizzazione dei consumi che porta a trovare nei supermercati pugliesi asparagi egiziani o peruviani, quando a due passi dal Salento, per esempio, c'è la produzione della riserva del Gargano.

Venerdì 29 la festa si apre alle 20 con un dibattito a cui segue alle 21 visual arts, "un percorso di mutazione psicofisica con sottotesti tremendamente attuali e pionieristici", un racconto spiazzante nelle profondità più buie del nuovo millennio. Si chiude alle 23 con un concerto.

Sabato 30, alle 21, è prevista la presentazione del libro di Giuseppe Aiello, " Il mistero (solubile) dello zucchero assassino", nel quale viene indagato un tema interessante: come mai lo zucchero, prima considerato un elemento pregiato, è diventato fondamentale nella nostra dieta? L'autore ha cercato di mettere insieme i tanti pareri contrastanti sul "dolce" ingrediente per raggiungere un verdetto, raggiungendo la conclusione che lo zucchero è diventato strumento di controllo e dominio, sottolineando come l'alimentazione industriale imposta dagli stati coloniali sia stata un forte ed efficace elemento di sottomissione delle popolazioni. Il dibattito è preceduto da una cena sociale tipica salentina (al costo di 7 euro).

Domenica 1° luglio, alle 20, si potrà partecipare alla cena sociale vegana, con 7 euro di contributo, a cui seguirà la videoproiezione di un video Andrea Canzi, "Impazzire si può; Ricerca sull'eredità di Franco Basaglia nella cura del disagio psichico. Trieste 2011". Conclusione in musica alle 23 con Dj Set or Dj Live?

Ai partecipanti è offerto uno spazio camper/tenda gratuito o la possibilità di pernottamento in B&B con costi contenuti (previa prenotazione). (Matilde Guido)

(29 giugno 2012)
Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica