Skin ADV

GOOGLE ADV

Racconti Italiani: due salentini nelle sale di tutta Italia

Sabato, 02 febbraio 2019 - - Categoria: Cultura

L'Italia si racconta al cinema. E ci sono anche due voci salentine, tra le tante selezionate dalla quarta edizione di "Racconti italiani", iniziativa cinematografica promossa dalla Fice (Federazione italiana Cinema d'Essai), nata per favorire la diffusione dei documentari italiani nelle circa 400 sale nazionali associate, per aprire finestre su angoli d'Italia poco conosciuti, una sorta di miniera di storie immortalate dalla pellicola.

Dal Salento, arrivano due pellicole, già ampiamente celebrate, in terra salentina e non solo. La prima, "Vento di Soave", di Corrado Punzi, che racconta la città di Brindisi e la sua "aria", le storie di ostinata ma contraddittoria opposizione a due giganti, il petrolchimico Eni e la centrale a carbone Enel, tra quelle che, in Europa, emettono più sostanze inquinanti. Prodotto dalla Fluid Video Crew di Davide Barletti e dal collettivo cinematografico Muud Film, sostenuto da Regional Film Fund della Regione Puglia e da Apulia Film Commission, il film restituisce la complessità del tema, attraverso la molteplicità delle prospettive. A ispirare il titolo l'ormai famigerata centrale a carbone "Federico II", e un passo tratto dalla Divina Commedia: "Quest'è la luce de la gran Costanza che del secondo vento di Soave generò 'l terzo e l'ultima possanza" (Paradiso, Canto III), dove "vento di Soave" è l'espressione con cui Dante si riferisce alla dinastia sveva, sotto la quale la città adriatica visse i suoi anni di prestigio culturale e commerciale.

Dall'oltraggio all'ambiente al recupero della lentezza e dell'autenticità, con "I Villani", pellicola di Donpasta, al secolo Daniele De Michele, "gastrofilosofo", scrittore, che mette da parte il nome d'arte per il suo esordio da regista, consacrandosi così al ruolo di "attivista del cibo" svolto su più fronti e a più riprese. Tra le ultime quel libro, "Artusi Remix", nel quale ha provato a ricostruire una nuova mappa culinaria del Belpaese. Sintesi del suo lungo viaggio è "Villani", il racconto di quattro "storie di resistenza" scelte, tra le tante, per creare degli archetipi; sud e nord, uomini e donne di diverse generazioni e, soprat- tutto, i tre fondamenti della produzione: allevamento, agricoltura e pesca. Nessun espediente narrativo se non, appunto, la tipica giornata dei quattro: Salvatore Fundarò, siciliano di Alcamo, "agricoltore con lo zappone"; Luigina Speri, trentina, alle prese con le erbe spontanee; l'allevatore campano Modesto e i suoi formaggi artigianali; i fratelli Galasso, pescatori della Taranto Vecchia. Con loro, sullo sfondo, la voce e alcune massime di vita di Lino Maga, vignaiolo nell'Oltrepò Pavese, "un filosofo dell'alimentazione".

Incrementare la diffusione del genere documentario e del cinema del reale, ma anche far conoscere al grande pubblico realtà, storie, esistenze spesso lontane dal pubblico del grande schermo, facendosi veicolo di conoscenza, aprendo nuovi orizzonti e regalando punti di vista altri.

Tra gli altri titoli in gara: "Arrivederci Saigon" di Wilma Labate, che racconta l'epopea delle Stars, band di cinque ragazze toscane finite per errore in Vietnam a tirare su il morale alle truppe americane; "Butterfly" di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman, la storia vera di una giovanissima campionessa di boxe, nata e cresciuta in una delle contrade più cruente del napoletano; "Diario di tonnara" di Giovanni Zoppeddu, tratto dal racconto di Ninni Ravazza, una piccola chicca che racconta il quotidiano dei pescatori di una volta, tra sangue e santi, miti e antropologia; "Être et durer" di Serena Mignani, la vicenda della mamma e di un figlio speciale, che riesce a trovare il suo posto nel mondo attraverso il Parkour; "The strange sound of happiness" di Diego Pascal Panarello, alla scoperta delle origini dello scacciapensieri, in Siberia; "Il teatro al lavoro" di Massimiliano Pacifico, backstage di "Elvira" pièce metateatrale portata in scena da Toni Servillo.

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica