Skin ADV

GOOGLE ADV

So What Festival: parte la quinta edizione con il cinema di Mondovisioni

Mercoledì, 01 agosto 2018 - - Categoria: Cultura

Non solo musica al So What Festival di Melpignano. Comincia oggi al Parco della Pace, il cinema di Mondovisioni, a cura di CineAgenzia per Internazionale, rassegna itinerante di documentari su attualità, cultura, diritti umani, informazione e società, in programma ogni sera dal 1° al 5 agosto.

Si amplia quindi l'offerta del festival organizzato dall'associazione culturale Altatensione, con ben dieci serate di musica, arte, cinema, letteratura, impegno sociale e condivisione.

Prima proiezione, mercoledì 1 agosto, con il documentario indiano "An insignificant man" di Khushboo Ranka e Vinay Shukla, sulle proteste contro la corruzione politica a New Delhi, guidate da "un cittadino al di sopra di ogni sospetto", il funzionario ribelle Arvind Kejrival. A seguire, la musica dei Boundless Ska Project.

Giovedì 2, si continua con "Boiling Point" di Elina Hirvonen, giornalista e documentarista finlandese, che segue gli incontri in una sauna tra Oula, 40 anni, e Tapio, 70, e i loro dialoghi ragionati su fascismo, estremismi, populismo e crescita economica. A fine proiezione, salgono sul palco Le scimmie sulla Luna.

Venerdì 3, è la triste storia delle mutilazioni genitali femminili a essere raccontata in "Jaha's Promise", documentario di Patrick Farrelly e Kate O'Callaghan, tragica realtà che si trasforma in presa di coraggio e voglia di tornare indietro e combattere torti subiti e crudeltà ancestrali. Dopo il cinema, spazio alla chitarra di Cristiana Verardo e al suo nuovo album "La mia voce".

Sabato 4, è una sorta di Truman show il documentario "Entre Os Homes De Bem", di Caio Cavechini e Carlos Juliano Barros, su Jean Wyllys, ex vincitore del Grande Fratello, portavoce dei diritti della comunità lgbt. Il film segue le sue ultime vicende personali e politiche, con incursioni sulla scena sociale brasiliana e un focus sull'impeachment dell'ex presidente Rousseff. Chiusura affidata ai Float A Flow, collettivo di salentini nato a Bologna.

Domenica 5, l'ultima proiezione è "Stranger in paradise", la crisi dei rifugiati vista da una classe di alunni in Sicilia, un'opera tra documentario e realtà firmata da Guido Hendrikx. Sul palco, salgono poi i No Finger Nails, progetto del producer Andrea Presicce.

Insieme alla rassegna Mondovisioni, nel Parco della Pace ci sono anche le installazioni e le mostre a cura di Pravda Art Collective e Roberto Gentili e l'opera muraria di Cheko's Art.

Dall'8 agosto, il So What Festival si sposta poi nello spiazzo dell'ex convento degli Agostiniani, per i grandi appuntamenti musicali: mercoledì 8 agosto, con The Zen Circus (ore 21.30 - ingresso 15 euro), storica rock band toscana formata da Andrea Appino, Karim Qqru, Massimiliano "Ufo" Schiavelli e Francesco Pellegrini, che presentano i brani del decimo album in studio "Il fuoco in una stanza" prodotto da La Tempesta Dischi e Woodworm. In apertura I Botanici. Giovedì 9 agosto (ore 22 - ingresso 7 euro) doppio appuntamento con Wu Ming Contingent con "La terapia del fulmine", reading concerto su elettroshock e follia a 40 anni dalla Legge Basaglia e la satira del collettivo Lercio.

La conclusione è al ritmo dell'elettronica con due giorni in compagni di Ninos du Brasil, Yakamoto Kotzuga e Inude (11 agosto - 10 euro), GodblessComputers, Jolly Mare e Joyfull Family (12 agosto - 10 euro).

Tutte le proiezioni sono a ingresso libero. Inizio ore 21.30.

Torna a inizio pagina

ClioCom © copyright 2018 - Clio S.p.A. Lecce - Tutti i diritti riservati