Skin ADV

GOOGLE ADV

Hortus: al via la terza edizione della mostra-mercato botanica a Ostuni

Venerdì, 19 ottobre 2018 - - Categoria: Cultura

Come prendersi cura del proprio orto? Come imparare a modellare un giardino, seguendo tecniche innovative e ascoltando la natura? Per coltivare il proprio pollice verde, a Ostuni c'è Hortus, evento giunto alla sua terza edizione, straordinaria mostra-mercato organizzata sabato 20 e domenica 21 presso la Villa Comunale "Sandro Pertini".

Organizzata dall'associazione omonima Hortus Puglia, in collaborazione con il Comune e la rivista "Gardenia", la terza edizione dell'iniziativa celebra il "giardino d'inverno", con eventi tematici, convegni, seminari, laboratori per bambini, show cooking e soprattutto un impressionante florilegio di varietà arboree e floreali autoctone ed esotiche.

In programma sabato 20, tra i tanti appuntamenti, sono previsti un incontro con Giovanni Signorile, responsabile scientifico dell'Orto botanico e Museo delle piante di Bari, sull'utilizzo e le peculiarità alimentari delle piante, cui segue un divertente laboratorio dedicato ai bambini con la realizzazione di "bombe verdi", sfere impastate con terra, argilla e semi, da piantare a seconda delle esigenze specifiche di ogni pianta che andrà a nascere; un approfondimento sugli usi medici e sostenibili di canapa e marijuana in compagnia di Angelo Giordano e Valerio Tanzarella; un focus sulla Xylella, con Carmela Riccardi, presidente del Libero comitato antixylella.

Domenica 21, Hortus incontra la Settimana dei Bambini del Mediterraneo, insieme a Tiziana Volta della rivista "Gardenia" e dell'associazione Mondo senza guerre e senza violenza. Dalla mattina, dimostrazioni di acquerello botanico, show cooking e momenti musicali.

"Avremo diverse novità", spiega Alma Sammarco, "come un vivaio dalla Sicilia che seleziona e coltiva esclusivamente agrumi, oppure una delegazione proveniente da uno dei centri più specializzati d'Italia nella coltivazione di piante carnivore. Verrà posto l'accento sulle proprietà benefiche delle piante selvatiche commestibili, che stanno entrando di diritto nei menu di grandi chef e nelle abitudini alimentari di tante famiglie italiane. Si allarga dunque il panorama di utilizzo delle specie botaniche più disparate, che verrà approfondito grazie a seminari e convegni a tema".

Non solo verde a Hortus, dove sono previsti anche laboratori per la produzione artigianale di saponi, di birra e di monili interamente realizzati con i semi, e coltivazione e cura dei bonsai. Presso la villa comunale, è possibile visitare le mostre "Orticola" di ExTerra e "Pomologica" a cura di Passo di Terra. Durante i due giorni, inoltre, voleranno gli aquiloni realizzati dagli ospiti del centro CARA Auxilium di Restinco.

"L'iniziativa punta a diffondere la cultura del verde in chiave di sostenibilità ambientale", afferma Pierangelo Argentieri, "potendo contare su trenta collezionisti e su quello scrigno di biodiversità che è la Villa Comunale e lasciando spazio ai temi della solidarietà e della pace, su cui si sviluppa un altro evento che si apre immediatamente dopo Hortus, la Settimana dei bambini del Mediterraneo". Soddisfatto anche il sindaco Gianfranco Coppola: "accogliamo per il terzo anno di fila questa manifestazione a cui personalmente mi lega la passione per la cura delle piante. Tra le tante attività troverà spazio un dibattito in merito all'annoso problema della Xylella, un argomento che il Comune di Ostuni ha dimostrato di voler approfondire dal punto di vista scientifico con la recente istituzione del presidio informativo che fa capo al Libero Comitato anti-Xylella".

"Questa manifestazione rafforza il fortunato sodalizio tra la Città di Ostuni e Hortus Puglia", dichiara l'assessore Zurlo, "importante perché risponde alla prerogativa comune di tutelare la biodiversità del contesto naturale locale. Grazie all'impegno profuso, la FEE (Foundation for environmental education) e Confagricoltura hanno nuovamente insignito il Comune di Ostuni del riconoscimento della Spiga Verde, il vessillo che certifica i territori più attenti alla qualità della vita, dando risalto alle buone pratiche di conservazione del patrimonio naturalistico".

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2018 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica