Skin ADV

GOOGLE ADV

Porto Miggiano

A chi sarà mai venuto in mente di realizzare ben due grandi piscine sulla scogliera? Proprio qui dove sorge la più straordinaria piscina naturale del mare salentino... Non bisogna farsi ingannare da quel centro vacanze realizzato di recente dopo alterne vicende giudiziarie: venti metri più sotto c'è una insenatura incastonata tra costoni rocciosi, che racchiude un mare cristallino dai colori indimenticabili.

La spiaggia di Porto Miggiano, però, negli ultimi anni ha subito un radicale mutamento, trasformandosi da spiaggia selvaggia a lido più o meno urbanizzato. La pericolosità con il rischio crolli per il costone roccioso ha indotto infatti il Comune a dare il via a poderosi lavori che hanno modificato lo stesso volto dell'insenatura, dando vita ad una lunga scia di polemiche sulle modalità della "messa in sicurezza" che hanno portato la magistratura nella primavera del 2013 a porre sotto sequestro l'intera area. Così la stessa stagione balneare 2013 è a rischio ed è quindi consigliabile informarsi per tempo prima di dirigersi verso questa splendida insenatura, ora raggiungibile solo dal mare.

Solo il 6 agosto 2012 la spiaggetta era stata riaperta al pubblico nella sua nuova e diversa conformazione: la spiaggetta è molto più ampia così come più ampie sono le rocce (non più scogli naturali ma pavimentate) che si susseguono sul lato nord della scogliera. L'accesso alla baia è ora garantito da due lunghe scalinate scavate nella roccia friabile che è stata notevolmente arretratata rispetto alla battigia. In pieno agosto, la spiaggetta si presenta come una cava di pietra leccese a cielo aperto, mentre i detriti e la polvere degli scavi rendono l'acqua non sempre cristallina così come si era abituati a vederla.

Eppure qui ancora oggi si possono notare colori da sogno sempre diversi, senza bisogno di "servizi". La scogliera è alta circa venti metri, a picco sul mare cristallino.

La baia resta comunque una grandissima e meravigliosa piscina naturale. Il fondale è subito alto (due metri/due metri e mezzo) ma prevalentemente sabbioso. Proprio questo mix di sabbia e roccia rende l'acqua cristallina, facendone un angolo di paradiso. C'è da fare i conti, però, con l'invadenza delle barche (una fila di boe impedisce l'ingresso di gommoni, motoscafi e imbarcazioni che comunque ormeggiano nella baia).

Andando a nuoto, poche decine di metri a sinistra della spiaggetta (costituita da piccoli e grandi massi e raggiungibile solo dal mare) si può entrare in una piccolissima e graziosa grotta. Consigliato il bagno nelle prime ore del mattino, anche se l'acqua è spesso fresca. Al tramonto una parte della baia è in ombra.

La particolare conformazione della caletta di Porto Miggiano consente di fare il bagno in tranquillità con qualsiasi vento. Ideale la tramontana ma anche il ponente. Con lo scirocco lo specchio d'acqua tende ad essere sporco di olio e di altri residui lasciati dalle barche che dovrebbero navigare ad una distanza maggiore dalla costa.

Per arrivare a Porto Miggiano, da Santa Cesarea Terme, bisogna imboccare la strada litoranea per Castro. Appena usciti dal centro abitato, sulla destra sorge un villaggio turistico, mentre sulla sinistra si staglia sul mare la Torre di Porto Miggiano davanti al nuovo centro vacanze con due enormi piscine scavate nella scogliera.

- Vai sulla pagina facebook di quiSalento, clicca "mi piace" e vota la spiaggia (libera) più bella del Salento

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica