Skin ADV

GOOGLE ADV

Portoselvaggio

 

Portoselvaggio (località del Comune di Nardò) è una delle spiagge più belle e selvagge d'Italia. La spiaggia è nel cuore del Parco regionale di Portoselvaggio e Palude del Capitano, una delle regine del mare italiano che più volte si è meritata le 5 vele della Guida Blu di Legambiente e del Touring Club (anche nel 2013 la costa di Nardò si è meritata l'ambito titolo).

La spiaggia di Portoselvaggio è una splendida insenatura senza traccia apparente di civiltà. Non ci sono lidi, qui c'è solo la pineta che si tuffa nel mare di scoglio. Ci si può fermare sulla spiaggetta di ciottoli o sugli scogli più o meno comodi per stendersi; da qui si può entrare agilmente nel mare. Dalla parte della spiaggetta di ciottoli, il fondale è sabbioso e lentamente digradante, dunque facilmente accessibile anche ai bambini. Una delle più straordinarie caratteristiche di questo mare sono le correnti di acqua fredda, a volte ghiacciata persino in pieno agosto, generate da sorgenti sottomarine; la presenza di polle sorgive è chiaramente visibile, guardando il mare, sulla sinistra della spiaggetta. Consigliato il bagno anche al tramonto.

Lo specchio d'acqua dell'insenatura è particolarmente calmo con il vento di tramontana (ideale), mentre è appena agitato con il ponente. Se invece soffiano forti venti da sud (e soprattutto lo scirocco) allora è meglio rinunciare all'escursione: il mare è agitato e, se le correnti sono forti, è persino difficoltoso entrare in acqua.

Se si preferisce trovare un tratto di costa più riservato, bisogna camminare verso nord: subito dopo l'insenatura si aprono fra gli scogli una serie di calette abbastanza accessibili, alcune delle quali con naturali terrazzamenti sul mare. Ancora più in là (avvicinandosi verso Torre Uluzzo) è sempre più difficile trovare luoghi accoglienti per fermarsi al sole, il mare è più aperto, l'acqua resta straordinariamente trasparente e i fondali sono ricchi di vegetazione e popolati di ricci e pesci di diverse specie.

La pineta alle spalle dell'insenatura rende questa località particolarmente indicata per gite al mare dalla mattina fino al tramonto, anche nelle giornate più afose.

In agosto c'è il rischio di elevato affollamento, ma la pulizia è assicurata e un piccolo punto ristoro davanti alla spiaggetta garantisce persino bevande fresche e caffè.

Per raggiungere la spiaggia di Portoselvaggio bisogna imboccare la litoranea Santa Caterina-Porto Cesareo. Dopo poco più di un chilometro, non appena termina la fila di ville e villette, sul lato sinistro della carreggiata c'è l'imbocco del sentiero che conduce nell'insenatura. Qui non c'è un'area di sosta adeguata, nonostante l'alto afflusso di bagnanti: si può parcheggiare solo sulla destra (sull'altro lato della carreggiata fioccano le multe).

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica