Skin ADV

GOOGLE ADV

Torre dell'Orso

 

Torre dell'Orso (frazione di Melendugno, anche nel 2013 mare da 5 Vele di Legambiente e Touring) ha una lunga spiaggia a forma di mezzaluna, incorniciata da una scogliera che non supera i 40 metri d'altezza, con alle spalle una verdeggiante pineta che giunge fino alle dune ed è attraversata per un tratto da un piccolo corso d'acqua, il Brunese, che sfocia sulla stessa spiaggia.

La spiaggia di fina sabbia bianca è affollatissima d'estate quando si trasforma in una distesa di ombrelloni, lettini e sdraio in stile riviera romagnola. In compenso il mare è sempre trasparente con la sua acqua cristallina color turchese.

La baia è dominata dalla torre cinquecentesca, parzialmente diroccata. Sull'altro lato dell'insenatura, ci sono i due splendidi faraglioni, isolati nel mare a breve distanza dalla riva, chiamati Le Due Sorelle, uno degli angoli da cartolina più fotografati del Salento. Si tratta di due rocce di notevoli dimensioni, divise tra loro da una strettoia, la cui forma attuale è dovuta all'esposizione millenaria agli agenti atmosferici e all'azione corrosiva delle onde. Gli alti speroni di roccia sono di origine calcarea e si pensa che anticamente facessero parte della terraferma, prima di staccarsi a seguito di movimenti tellurici che nel passato sconvolsero l'area. Lo scoglio delle Due Sorelle deve il nome ad una leggenda secondo la quale qui affogarono due sorelle salentine che non avevano mai visto il mare.

La spiaggia è conosciuta anche per le grotte che si aprono sulla scogliera, ricche di graffiti e testimonianze preistoriche che attestano una frequentazione di questi luoghi già a partire dall'epoca micenea.

Con lo scirocco e il libeccio, il mare di Torre dell'Orso è piatto come una tavola. Onde verso riva quando spira la tramontana.

Alla spiaggia di Torre dell'Orso si accede scendendo delle comode scale dal centro, vicino l'anfiteatro. Per raggiungere il livello del mare in auto, bisogna dirigersi verso Otranto: appena fuori dall'abitato, si svolta a destra imboccando la strada che scende verso la pineta e che conduce ai parcheggi.

Torna a inizio pagina
ClioCom © copyright 2013-2019 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati - layout e grafica